Grammatica

In Linguistica, la grammatica (dal latino grammatĭca e a sua volta dal greco γραμματική grammatiké) di una lingua naturale è il complesso di regole e di vincoli strutturali utili alla costruzione di frasi, sintagmi e parole per chi parla o scrive. Il termine può anche riferirsi allo studio di tali regole e vincoli, un campo che include domini come la fonologia, la morfologia e la sintassi, spesso integrati da fonetica, semantica e pragmatica.

Punteggiatura

La punteggiatura è la parte della grammatica che regola i segni della scrittura. La punteggiatura è importante perché, oltre a comunicare il

Ortografia

L’ortografia è l’insieme delle regole per una corretta scrittura (ortografia viene dal greco: ortho, che vuol dire corretto, e graphia, che vuol

Pragmatica

La pragmatica è lo studio della lingua nel suo uso concreto, cioè in una situazione e in un contesto determinato. Oltre alla

Semantica

La semantica è la parte della grammatica che studia il significato delle parole e il loro uso nella frase o in un

Sintassi

La sintassi è la parte della grammatica che regola la coordinazione delle parole che formano una frase semplice o una frase complessa.

Morfologia

La morfologia studia la struttura grammaticale delle parole. Le parole sono classificate in due gruppi: variabili (che possono cambiare la parte finale

Fonologia

La fonologia è lo studio dei suoni della lingua. L’italiano come molte lingue indoeuropee usa una scrittura fonetica, ossia: si scrive così come si pronunciano le

Congiunzioni

Le congiunzioni sono parti invariabili del discorso che permettono di collegare tra loro due elementi di una proposizione, per esempio sostantivi, avverbi,

Avverbi

L’avverbio è una parte invariabile del discorso che ha la funzione di modificare, precisare o determinare il significato di altre parti del