Suscettività

Indice dei contenuti

    Il termine suscettività deriva da suscettibile, dal latino tardo susceptibĭlis, a sua volta derivazione di suscipĕre cioè “ricevere, prendere su di sé”.

    In Fisica la suscettibilità rappresenta una quantificazione del cambiamento di una proprietà estensiva al variare di una proprietà intensiva. Questo termine può riferirsi alla suscettibilità di un materiale o di una sostanza, descrivendone la sua risposta a un campo applicato.

    I due tipi di suscettibilità, elettrica e magnetica, sono esempi di una funzione di risposta lineare; a volte i termini suscettibilità e funzione di risposta lineare sono usati in modo intercambiabile. Nella compatibilità elettromagnetica (EMC), la suscettibilità è la sensibilità della funzione di un dispositivo alle interferenze elettromagnetiche in ingresso.