Muco

Il muco è un colloide viscoso secreto dalle ghiandole mucipare di numerosi tessuti del corpo, costituito principalmente da acqua al 95% e per il restante da glicoproteine (mucine gelificanti secrete dagli epiteli ghiandolari) e da sali disciolti in acqua; contiene inoltre enzimi antisettici (come il lisozima) ed immunoglobuline.

Viene prodotto nei ripiegamenti delle mucose degli organi (fino a 1,5 litri al giorno) e generalmente contiene enzimi antisettici (che permettono di intrappolare gli agenti patogeni e di eliminarli più velocemente, senza che intacchino la salute del corpo). Il muco ha, inoltre, il compito di lubrificare e proteggere diversi tessuti dell’organismo come:

  • l’apparato respiratorio;
  • l’apparato digerente;
  • l’apparato urinario;
  • l’apparato visivo e uditivo;
  • l’apparato genitale.

Il muco è trasparente in condizioni normali, ma se cambia colore, da trasparente a giallastro è indice della presenza di una infezione. Se il muco diventa rosa o rosso allora indica la presenza di sangue e l’infezione è ad uno stadio particolarmente avanzato. La colorazione verdastra, invece, è data dagli enzimi che hanno il compito di contrastare le infezioni, contenuti nei globuli bianchi.

Tipologie di muco

il muco ha numerose funzioni perché diversi sono i tessuti che riveste, come:

  • muco nasale: presente nelle cavità nasali e prodotto in grandi quantità quando si soffre di raffreddore, allergie, influenze;
  • muco cervicale: noto anche come muco vaginale, è di una composizione diversa dal muco nasale, in quanto ricco di anticorpi contro gli spermatozoi, che ostacolano la fecondazione dell’ovulo. Il muco cervicale è prodotto in grandi quantità durante l’ovulazione, tuttavia cambia la sua composizione in base alla progressione del ciclo mestruale, divenendo più propenso all’attraversamento degli spermatozoi durante il periodo ovulatorio;
  • muco tracheale e bronchiale, la cui funzione principale consiste nel lubrificare le pareti delle vie respiratorie, nell’intrappolare germi e batteri e proteggere i tessuti dalle lesioni. Grazie all’azione coordinata di milioni di ciglia, il muco funge da trasportatore di queste sostanze indesiderate verso l’esterno, ostacolandone la discesa negli alveoli polmonari (dove potrebbero diventare causa di malattia). Il freddo tende a rallentare il battito ciliare, causando l’insorgenza di infezioni;
  • muco nelle feci: facilita il transito intestinale ed è presente normalmente all’interno dell’intestino per proteggere i tessuti interni. In caso di patologie come la colite ulcerosa, diarrea e sindrome del colon irritabile, viene prodotto in grandi quantità.

Lascia un commento