Termistore (termometro a semiconduttore)

I termistori (o termometri a semiconduttore) sono termometri elettrici realizzati mediante sinterizzazione di polveri di semiconduttori quali ossidi di manganese, cristalli di silicio e di germanio drogati, di nichel e di cobalto; sono caratterizzati da un elevato valore, sia negativo che positivo, del coefficiente di resistività.

La sensibilità molto forte dei termistori permette di leggere la variazione di resistenza direttamente con un ohmetro. La dipendenza della resistenza dalla temperatura, espressa dal coefficiente di resistività, può assumere sia valore positivo (termistori di tipo PTC) che negativo (termistori di tipo NTC). A tal proposito, occorre evidenziare che:

  1. i termistori di tipo PTC, avendo la peculiarità di variare il valore della resistenza di circa 3 ordini di grandezza per un campo di variazione della temperatura di pochi decimi di grado, sono utilizzati come switch termici;
  2. mentre i termistori di tipo NTC trovano larga utilizzazione come sensori di temperatura.

La resistenza di un termistore varia, in funzione della temperatura, secondo la seguente legge:

dove:

  • RT è la resistenza alla temperatura in esame;
  • T è la temperatura in esame;
  • R0 è la resistenza alla temperatura di riferimento;
  • T0 è la temperatura di riferimento;
  • k è una costante che vale tra 3400÷3900 dipendentemente dal tipo di termistore.

Vedi anche: Studio della variazione di resistenza per effetto della temperatura.

Aiutaci a migliorare

Indice dei contenuti