Calandratura

Indice dei contenuti

    La calandratura è un processo di produzione industriale applicato alla realizzazione di lamierati o profilati metallici per deformazione plastica. I materiali che possono essere utilizzati con questo processo sono tipicamente i metalli e le materie plastiche.

    Calandratura della gomma e della plastica

    Il processo di calandratura applicato alla gomma o a resine termoplastiche, viene anche applicato in processi di rivestimento di tessuti, di carta e di altri materiali di supporto come pure nell’accoppiamento di due o più lastre continue di materiale plastico.

    Il processo di calandratura consiste nel far passare la resina termoplastica, già preventivamente omogeneizzata e plastificata, fra due o più coppie di rulli rotanti e riscaldati i quali schiacciano il prodotto fino a ridurlo in forma di foglio. Spesso, dopo che il calandrato è stato portato allo spessore desiderato, lo si fa passare attraverso una o più coppie di cilindri, detti cilindri finitori, i quali hanno lo scopo di conferire alle superfici del prodotto ancora caldo aspetti particolari.

    I materiali utilizzabili per questa tipologia di processo sono:

    • resine acriliche
    • acetato di cellulosa
    • acetato butirrato di cellulosa
    • nitrato di cellulosa
    • etilcellulosa
    • metilcellulosa
    • metacrilato di metilene
    • nylon
    • policarbonati
    • poliesteri
    • polietilene
    • polifluoro carbonati
    • polipropilene
    • polistirolo
    • acetato di polivinile
    • acetato
    • cloruro di polivinile
    • cloruro di polivinilidene.