Indice dei contenuti

Amphibia [anfibio]

Gli anfibi sono vertebrati tetrapodi ectotermi della classe Amphibia. Tutti gli anfibi viventi appartengono al gruppo Lissamphibia. Abitano una grande varietà di habitat, con la maggior parte delle specie che vivono in ecosistemi terrestri, fossili, arboricoli o acquatici d’acqua dolce. Così gli anfibi iniziano tipicamente come larve che vivono in acqua, ma alcune specie hanno sviluppato adattamenti comportamentali per bypassare tale condizione.

Ruolo ecologico degli Anfibi

Gli Anfibi sono meno numerosi e appariscenti delle altre classi di Vertebrati ed occupano ambienti piuttosto particolari nelle quali incontrano pochi competitori.

Nelle acque stagnanti i girini degli Anuri si nutrono di plancton o di frammenti di alghe o di erbe, modo di vita che condividono con varie sorta di artropodi, ma i girini degli Urodeli sono insettivori. Gli anfibi adulti invece sono carnivori e si nutrono soprattutto di insetti, molluschi acquatici, anellidi; questo cibo viene loro conteso soltanto da alcuni pesci e da piccoli mammiferi insettivori. La predazione da parte degli anfibi è importante per il controllo di talune popolazioni di insetti e di limacce.

Nella foresta pluviale molti anuri vivono sugli alberi ove frequentano le piante epifite e in particolare le raccolte d’acqua che si formano nelle ascelle foliari delle bromeliacee; in quello specialissimo ambiente trovano cibo e depongono le uova. Altri anuri popolano, come nei climi temperati, pantani e fiumi a corso lento e non si allontanano dall’acqua.

Gli Apodi conducono una vita endogèa da lombrico, ma hanno abitudini predatorie del tutto simili a quelle di certi rettili endogei e di alcuni mammiferi insettivori scavatori, questi animali però di rado si spingono nella foresta pluviale.

I nemici degli Anfibi sono pochi, anche perché sono velenosi, ma le rane, che sono prive di veleno, rimangono vittime di uccelli palustri, di lontre, di pesci, di bisce. L’uomo ne ha distrutti moltissimi drenando stagni e paludi, avvelenando con erbicidi le risaie, e con insetticidi canali e fiumi.