Académie Royale des Sciences

Indice dei contenuti

    L’Académie Royale des Sciences fu fondata nel 1666, durante il regno di Luigi XIV, grazie all’iniziativa di Jean-Baptiste Colbert (1619-1683), per sviluppare sia la ricerca teorica sia l’avanzamento delle arti e dei mestieri.

    A differenza della Royal Society di Londra, l’Académie di Parigi dipendeva per i suoi finanziamenti e per l’organizzazione dalla Corona. Il numero dei suoi membri era prestabilito. L’Académie presentava una struttura gerarchica, articolata secondo le diverse aree disciplinari.

    Nella fase iniziale, l’Académie ebbe notevole vivacità e si avvalse della collaborazione dei massimi esponenti della cultura scientifica francese. Essa coinvolse anche grandi studiosi stranieri. Lo scienziato olandese Christiaan Huygens (1629-1695), ad esempio, fu per venti anni uno dei principali protagonisti dell’attività accademica.

    Dopo la revoca dell’Editto di Nantes (1685), in conseguenza del quale molti scienziati Ugonotti abbandonarono la Francia, l’Académie attraversò una fase di declino. Completamente riorganizzata nel 1699, essa divenne una delle più autorevoli istituzioni scientifiche del Settecento. Fu infine soppressa nel 1792.